2017 “Immagini di confine”, di Linda Vukaj

“Immagini di confine”
fotografie di Linda Vukaj

<Presentazione | <Biografia | <Immagini  |  Intervista  |  Catalogo

E’ con piacere che il Circolo Fotografico “Renato Brozzi” presenta la mostra fotografica dedicata a Linda Vukaj, artista albanese di nascita ma parmense di adozione.

L’idea alla base della nostra iniziativa è sempre stata quella di proporre autori in una alternanza tra fotografi affermati e giovani promesse da portare al pubblico.

L’esposizione quest’anno vuole rendere merito ad una autrice che in questi anni ha dimostrato grande qualità fotografica e profonda sensibilità verso i temi sociali e a pieno merito riteniamo si inserisca nella linea guida dellanostra proposta culturale di questi ultimi anni e che si fonda sul principio di “La fotografia come documento”.

La mostra proporrà al pubblico 36 stampe in bianconero realizzate in Terra Santa e che testimoniano varietà umana e spirituale, denunciando le difficoltà per tutti questi popoli ad avere una vita libera.

L’inaugurazione ufficiale avrà luogo sabato 18 novembre alle ora 16,30 alla presenza dell’autrice presso il Centro Culturale “La Corte”, in via F.lli Cantini, 8 a Traversetolo (PR)

A corredo della esposizione, come nostra tradizione, è stato realizzato il Catalogo della mostra, che si inserisce nella nostra collana “Territorio” , in vendita.

Il periodo di allestimento sarà dal 18 novembre al 3 dicembre

IMMAGINI DI CONFINE
di antonio mascolo

Entra in punta di piedi, lo sguardo è discreto , rispettoso, ma affamato. Da persona abituata ad attraversare i confini, abitare e conoscere i territori. Si ok, c’è la fotografia ma c’è soprattutto la vita.

Linda Vukaj è arrivata in Italia coi barconi nel 1991. Dall’Albania. Ha abbandonato la sua terra ha artigliato la nostra. Ha portato la sua cultura ha cercato di conoscere in fretta il nostro vivere, ha fatto A/R tra nostalgia e speranza, ha costruito con pazienza, ha mescolato – che non vuol dire confondere – territori.

Ha educato anche lo sguardo, vestito quella curiosità vera che sembra timidezza, che lascia parlare e fluire la vita davanti agli occhi. Anche con le immagini pone domande, offre dubbi, approfondimenti, voglia di sapere. Occhi, cuore, silenzio.

Ecco allora che lei con la sua storia è a proprio agio nella guerra di territori per eccellenza, la Terra Santa. Dove forse più ancora delle bombe, delle segregazioni sono le manifestazioni, i numeri, le sottolineature, le occupazioni di spazio a creare stati e rivolte. La linea sottile del dolore lunga ormai 70 anni. Qui ogni gesto ha un significato sotto l’apparente confusione e ricchezza (di religioni, diversità, antropologie, monumenti, simboli).

In questo le immagini della Vukaj non hanno nulla di esotico, sono quotidiane, profonde, vere se questo termine ha ancora un senso nel nostro faketime. Rispetto è la tinta più forte per raccontare gli spostamenti progressivi di un territorio. Ascolto è la sfumatura del lo scoprire un territorio fatto di paura e normalità, fedi e laicismo, silenzio e caos, movide e messe, processioni e ambulanze, attentati e attesa degli attentati, esercito e povertà, umiliazioni e bellezze.

Un territorio che è mistero, labirinto, che ti fa girare la testa, che ti cambia. Un territorio dove entri con una idea e puoi uscirne con una assolutamente opposta. Scatta Linda nella complessità e trova con occhi giusti sguardi giusti, timori e tremori. Le religioni delle speranze e la realtà vergognosa di un Muro lager fatto da un popolo che è stato vittima dei lager.

Ero con lei in quei giorni di spola tra Betlemme e Gerusalemme dove il tempo si è compresso e dilatato al tempo stesso, dove il cuore si è riempito di emozioni, dove abbiamo trovato amici che ci hanno esaltato (suor Donatella e il Caritas Baby Hospital) che ci hanno protetti (padre Ibrahim e Rony Tabash) con discrezione in una notte infuocata al check point. E il sapore indimenticabile di quella cena obbligata in una taverna a Betlemme dove varie famiglie si sono date da fare con un piatto per alleviare l’attesa di tre amici italiani che dovevano assolutamente aspettare un briciolo di pace al confine in una guerra infinita.

Linda Vukaj ha attraversato i territori del voler sapere, voler vedere e voler raccontare. Allora le immagini non sono più solo immagini e – non volendo fare la morale a nessuno – diventano testimonianza. Uno specchio del nostro confine.

Biografia dell’autrice

Nata a Durazzo (Albania) Linda Vukaj interrompe gli studi a Facoltà di Fisica a Tirana durante la caduta del regime comunista nel 1991 in Albania e si trasferisce in Italia. A Parma, completa il percorso universitario in Metodologie Fisiche, presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali all’Università di Parma.

La fotografia è la sua grande passione. Viaggi, storie di vita e di tutti i giorni dei luoghi e delle persone che la circondano, sono i suoi soggetti preferiti. E’ specializzata in reportage e fotografia di ritratto, con un particolare interesse ai temi sociali. Ha esposto le sue fotografie a New York, Berlino, Pristina, Belo Horizzonte – Brasile oltre che in Italia – a Parma, Reggio Emilia, Cesena e Modena. Ha vinto premi nazionali e internazionali e realizzato diverse pubblicazioni.

Galleria Immagini