LA NOSTRA STORIA

Ciao!

È questo il saluto che da sempre viene rivolto a soci e ospiti che entrano in contatto con il Circolo Fotografico Renato Brozzi. Un saluto amichevole, familiare, quale è l’ambiente del gruppo sin dalla sua fondazione.

È non potrebbe essere altrimenti, dato che da sempre si privilegiano l´amicizia e l’aggregazione, oltre alla ovvia divulgazione della fotografia.

Il Brozzi ha saputo mantenere, seppure in mezzo alle solite difficoltà, uno spirito goliardico, mai troppo serioso, che ha portato altre persone ad avvicinarsi alla fotografia senza timori reverenziali.

La nostra storia. Già si deve raccontare anche di questo! Allora. Il circolo nasce nel 1996 grazie alla voglia di alcuni amici, una decina, di avere una scusa per uscire di casa alla sera. Da allora, l’impegno non è mai mancato, tanto che ai nostri si sono aggiunte tante nuove leve grazie ai corsi di base che periodicamente vengono organizzati.

Corsi che rispondono all’esigenza primaria di divulgare le conoscenze fotografiche a più persone possibili. Conoscenze che si approfondiscono ed ampliano grazie agli appuntamenti che settimanalmente vengono programmati presso la nostra sede.

Negli anni tanti sono stati i lavori e le iniziative svolte, sempre cercando di coinvolgere tutti gli iscritti.Tra queste, Viaggiando – Rassegna di viaggi ed emozioni in immagini” che dal ’98 abbiamo ereditato dal Circolo Culturale di Traversetolo e rappresenta uo dei fiori all’occhiello tuttora dell’attività autunnale, le numerose esposizioni su Traversetolo, tra cui “Mercato” e “Cartoline”, le mostre su e presso i paesi gemellati di Oraison (1999, 2000) e Maiano del Friuli (2004), concorsi fotografici con Enti locali.

Ultime nate la serie di esposizioni all’interno del progetto “La fotografia come documento” e la manifestazione “AutunnoFotoBrozzi”.

“La fotografia come documento”  sono una serie di mostre che, a partire dal 2007, vuole raccontare il nostro territorio attraverso le immagini di fotografi delle nostre zone, alternando un giovane promettente ad un fotografo conosciuto a cui noi vogliamo porgere, in  questo modo, i nostri ringraziamenti. Ogni mostra cerchiamo sempre di corredarla di una catalogo editato da noi con stampe presso litografie di qualità.

“AutunnoFotoBrozzi”, che quest’anno festeggia la terza edizione, propone dalla metà di novembre, mostre lungo le vie del paese e workshop.

Ma non esistono solo impegni “istituzionali”. Anzi. Tutti noi ci ricordiamo l’allegria nelle uscite fotografiche a vedere Venezia e la sua laguna, o la scoperta del nostro appennino “nascosto” come i paesi di Corchia, Pianadetto o la Lunigiana.

E’ un calendario intenso quello che si prospetta agli occhi di chiunque si avvicini al Brozzi, ma che non deve spaventare, in quanto tutto è gestito con l’allegria di sempre.

Ma perché qualcuno dovrebbe avere la malsana idea di venirci a trovare?. Forse perché si è in cerca di un confronto con altri fotografi, di un consiglio, di uno sfogo alla propria insoddisfazione di “fotografo della domenica” di fronte ad immagini che non sono come quelle che ci si aspetta, o per la possibilità di disporre di attrezzature professionali. Forse per queste o per mille altre ragioni. Forse perché far parte di un circolo vuol dire, semplicemente, possibilita’ di crescita. Crescita artistica, anche attraverso critiche alle proprie opere, crescita umana grazie all’aiuto che si può dare a chi ne sa meno di noi, senza boria o preconcetti.

Se queste quattro righe vi hanno incuriosito, spero vogliate venirci a trovare all’ultimo piano del Palazzo AVIS, in piazzale della Solidarietà a Traversetolo. Lì c’è la nostra sede, e lì saremo ad attendervi ogni lunedì sera.

A presto.

 

LE MOSTRE DEL PROGETTO “LA FOTOGRAFIA COME DOCUMENTO”

2007 “Il respiro delle nuvole. Fotografie 1954-2008”, immagini di Stanislao Farri

2008 “Novecento addio. La gente e i mestieri che stiamo perdendo“, immagini di Roberto Bertoni

2009 “L’altra realtà”, fotografie di Vasco Ascolini

2010 “Linea Emilia”, immagini di Marco Freschi

2011 “Entra in silenzio nel silenzio“, immagini di Benito Vanicelli

2012 “Passaggi d’acqua“, immagini di Luca Gilli

2013 “I luoghi dell’oblio“, immagini di Filippo Reviati

2014 “Cittadino del mondo”, immagini di Luciano Bovina

2015 “La casa di Dio”, immagini di Fausto Accorsi